giovedì 4 ottobre 2012

ONCE UPON A TIME . . . . .








Once upon a time ... un paese di ex poeti,ex santi,ex navigatori,e perfino Marie ex (per citare il buon Luc Merenda). Ora questo paese aveva imboccato la triste parabola del declino morale,sociale,ed economico,quindi mentre precipitava avvitandosi su se stesso,come succede sempre in questi casi i responsabili del disastro mostravano il peggio del proprio repertorio personale in uno scenario tragicomico e al limite dell'inverosimile.
Si assistiva passivamente alle cose più inaudite,c'erano politici che tagliavano le gomme alle auto dei disabili,onorevoli che sfilavano in bikini per il bene dello stato,caste di delinquenti incaricati di fare leggi contro se stessi,lauree prese su Marte,governanti che convinti di trovarsi in età feudale si sentivano in diritto di sbattere in faccia al popolo differenze incolmabili ed insopportabili che comprendevano stipendi faraonici,benefit di ogni tipo,spese all'ikea con la scorta,case comprate a loro insaputa da altri,accumuli di lingotti d'oro,diamanti,e valute,scudi fiscali riservati agli amici,e tanto tanto altro ancora fino a comporre una lista praticamente infinita.
Ed è così che quattro gatti rimasti stranamente incorrotti a tutto ciò che ormai era definito come "normale" (perchè fanno tutti così),si resero conto che non potevano più accettare di vivere,e di far vivere i propri figli nella vergogna,e nell'indecenza più totale.
Decisero perciò che non potevano più rimanere impassibili a guardare la fine del paese in cui erano nati e cresciuti,e così scesero in campo rischiando in prima persona,e senza l'intenzione di lucrarci sopra con l'obiettivo di mettere insieme quei cittadini che come loro avevano ancora una coscienza,e dei valori degni di questo nome.
Ovviamente questi quattro gatti si domandarono come e cosa potessero fare per cambiare la situazione,e per fermare un declino che pareva inarrestabile,e dopo aver passato qualche tempo a rifletterci sopra il primo gatto fondo un movimento popolare di ribellione democratica,il secondo gatto andò sotto i palazzi del potere a protestare facendo lo sciopero della fame,il terzo gatto iniziò un azione di denuncia di tutte le schifezze peggiori così da tentare di destare dal torpore gli organi preposti all'amministrazione della giustizia,il quarto gatto siccome era molto fastidioso fu esiliato dai potenti e mandato a rompere l'anima in Guatemala,altri gatti scelsero invece di diffondere notizie e informare quante più persone possibili utilizzando tutti i modi e gli spazi possibili a loro disposizione.
Purtroppo in quell'ex paese di ex un enorme parte del popolo era connivente al potere e campava delle briciole che quest'ultimo lasciava consapevolmente cadere,ecco perchè con il successo,e la crescita dell'operato dei "gatti" cresceva anche la resistenza di tutti quelli che vedevano messo in pericolo il loro dissoluto stile di vita,e quindi al grido di: Tengo famiglia! Si andavano moltiplicando gli attacchi e gli ostracismi nei confronti dei poveri gatti,e di tutti coloro avevano sentito il bisogno di condividere lo stesso credo.
D'altronde si era abbondantemente previsto che gli italioti in cerca dell'ennesimo "salvatore",così come i vari delinquenti,i fannulloni,i servi,i raccomandati,ecc,ecc,ben volentieri instupiditi dalla televisione e dai giornali di regime si impegnassero così come le caste per difendere ognuno il proprio "orticello",mentre le loro famiglie crescevano e si moltiplicavano creando così anche una nuova specie di italiota ...il troll !!!


Quest'ultimo nasceva apposta per andare a triturare i marroni sul web dove i gatti dominavano totalmente,l'idea era mandiamoli su internet e dopo un pò di tempo il web scadrà come la TV!
. . . . e vivremo tutti felici & contenti.


2 commenti: